Una penna nera nella città a colori: la tappa di un alpino verso L'Aquila

PDFStampaE-mail

alpno itinerante, dario cimberle, torino, l'aquila, viagigo a piedi, adunata penne nere, tappa viterbese, città a colori, franco barillà, gruppo viterbo, viterbo, etruria, la tua etruria, tuscia, alto lazio, tesori d'etruria, cultura, 2015, quotidiano culturale, eventi, manifestazioni, eventi culturali viterbesi, VITERBO - La città a colori… ha virato sul nero e sul verde: nero della penna, verde del militare, mondo che un alpino non abbandona mai, nemmeno dopo decine di anni aver fatto la “naja”.

Nel giorno in cui la città si è colorata grazie al mondo del volontariato, anche gli alpini viterbesi, sempre in prima fila per la solidarietà, hanno accolto l’alpino Itinerante, Dario Cimberle, del Gruppo Edolo, partito da Torino a piedi destinazione L’Aquila, dove sabato e domenica si terrà l’adunata della penne nere italiane.

Nel primo pomeriggio di domenica Dario ha fatto tappa nella città dei papi, portando nel suo zaino giorni e giorni di esperienze, incontri, camminate e tanto affetto.

Con l’occasione il Gruppo Alpini Viterbo ha fornito il supporto logistico per la sosta, prima della partenza destinazione Abruzzo, dove sicuramente avrà modo di ritrovare i nuovi amici viterbesi.

alpno itinerante, dario cimberle, torino, l'aquila, viagigo a piedi, adunata penne nere, tappa viterbese, città a colori, franco barillà, gruppo viterbo, viterbo, etruria, la tua etruria, tuscia, alto lazio, tesori d'etruria, cultura, 2015, quotidiano culturale, eventi, manifestazioni, eventi culturali viterbesi, Soddisfazione per l’esperienza da parte del vice-capogruppo Franco Barillà che ha colto l’occasione per salutare il “fratello” Dante e accompagnarlo vero la nuova avventura: l’arrivo a L’Aquila.

Anche questa sarà l’occasione per accendere una luce sulla cittadina abruzzese, ancora ferita dopo il duro colpo inferto dal terremoto, un colpa da cui stenta a rialzarsi, anche se saranno centinaia di migliaia di penne nere a ricordare all’Italia e al mondo che L’Aquila chiede giustizia.

T. P.