Michelini si scopre "renziano" e vede tutto rosa

PDFStampaE-mail

bibilioteca ardenti, sindaco, michelini, renziano, fondi, finanziamento, positività, lavori per la città, teatro, cultura, viterbo, etruria, la tua etruria, tuscia, alto lazio, tesori d'etruria, cultura, 2015, quotidiano culturale, eventi, manifestazioni, eventi culturali viterbesi, VITERBO – Michelini diventa “renziano”, anche se farlo dopo la crisi in cui sono precipitate decine di famiglie per il famigerato “salva banche” potrebbe essere anacronistico. E nel rispetto del comportamento del presidente del consiglio, anche il sindaco conferma la diagnosi: "annuncite acuta". Manca solo il tweet giornaliero e il gioco è fatto.

In occasione della presentazione del plastico di riqualificazione della Bibilioteca degli Ardenti (leggi l'articolo La nuova visione della Biblioteca Ardenti: Pelliccia presenta il progetto) sfodera tutto il suo ottimismo. “Questa è una ricchezza intellettuale di valorizzazione del nostro patrimonio. In questo momento in cui, nonostante non lo fossi prima, mi sento renziano – precisa Michelini - condivido l'idea di raddoppiare ogni euro speso per la sicurezza in un altro per la cultura e voglio pensare positivo. Anche per quanto di buono fatto finora per la città da questa amministrazione”.

Punto dolente, perché forse la città tutto questo positivo non l'ha visto, e leggendo i social, quelli tanto amati dal nuovo punto di riferimento micheliniano, tutta questa positività non si nota.

Dalla sera del 3 settembre si parla di rischio sicurezza, e la recente rapina all'imprenditrice appena uscita dal suo negozio è solo la conferma, e, altro lato della bilancia, nulla è cambiato per Teatro Unione o Cinema Genio, dove tutto è fermo ad una licenza non consegnata ai gestori che detengono le chiavi. Ci sarebbero poi i cartelloni festivi, di ogni festa, non solo Natale o Santa Rosa, che non ci sono o arrivano tardi, associazioni che annaspano, mentre a una o due le porte sono sempre aperte.

E poco conta se per il primo cittadino i soldi spesi anni fa per realizzare il boulevard sono stati buttati ed era meglio farci altro... facendo due conti.... anche la spesa per costruire il Colosseo potrebbe aver messo nei guai i bilanci di Roma Capitale, o no?

Dopo un anno di attesa, con polemiche e frecciatine al vetriolo, conferenze di denuncia per fondi decurtati, assenti, mancanti, ora il Consorzio Biblioteche diventa di nuovo vetrina, per una positiva passerella dove finalmente tutti sono più buoni.

Natale si avvicina, è vero, ma i viterbesi non credono più all'omino vestito di rosso. Ora ci sarà l'inaugurazione dei lavori del Plus, quelli concessi dalla giunta regionale su proposta della giunta comunale, entrambi precedenti. Renzi stesso inaugurando Expo2015 fece i complimenti alla Moratti per l'impegno profuso nella fase embrionale: dopo le polemiche di questi giorni per le dichiarazioni di un assessore, magari il nuovo punto di riferimento del sindaco potrebbe illuminarlo nei giorni in cui si taglierà il nastro, soprattutto pensando a quanto ancora resta da fare, forse più utile e direttamente benefico per i cittadini.

Anche la Bibilioteca Ardenti è tra queste, buono l'impegno di inserire il progetto nella riqualificazione del quartiere, con lavori a costo zero è un beneficio per la cultura, ma poi deve arrivare altro, tanto altro, perché si possa guardare alla città con un sentimento positivo.

T. P.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA