Uno scatto magico di Carlo Marino attiva migliaia di occhi su Google Maps

PDFStampaE-mail

foto, 50mila, google maps, carlo marino, boccioli, pordonone, amore per viterbo, gloria, macchina santa rosa, viterbo, etruria, la tua etruria, tuscia, alto lazio, tesori d'etruria, cultura, 2016, quotidiano culturale, eventi, manifestazioni, eventi culturali viterbesiVITERBO - Settembre e Santa Rosa sono sempre nel cuore di ogni viterbese, che viva tutti i giorni questa città, con i suoi problemi ma anche le sue bellezze, che sia lontano chilometri e senta il richiamo irresistibile che arriva in quei giorni.

Chiunque abbia un pizzico di sangue gialloblù può capire quel richiamo: è unico.

E' stato quel richiamo a riportare a casa, da Pordenone, uno dei suoi figli, finito nel produttivo Nord Est per lavoro, ma sempre con la sua città nel cuore. E questo amore lo dimostra nella sua arte più amata: le foto.
Si chiama Carlo Marino, quarantenne, con tanti vecchi amici con cui ha condiviso le scuole, come la mitica H della Media Egidi tra l'80 e l'83.

E' passato quasi silente tra le vie e i palazzi in peperino, ha vissuto la festa stando tra la gente, i protagonisti. Ha immortato i volti dei personaggi durante il corteo storico, ha colto il passaggio di Gloria e prima di andare ha portato con se un paio di scatti magici del centro sotto la pioggia battente.

Scatti che ha pubblicato nel suo profilo Google Maps, oltre su Fabcebook dove sono state selezionate da altre pagine in modo foto, 50mila, google maps, carlo marino, boccioli, pordonone, amore per viterbo, gloria, macchina santa rosa, viterbo, etruria, la tua etruria, tuscia, alto lazio, tesori d'etruria, cultura, 2016, quotidiano culturale, eventi, manifestazioni, eventi culturali viterbesivirale, mostrando al mondo intero una bellezza che per un viterbese è quasi normale. Ben 54mila visite nel suo profilo, una promozione tutta di cuore che è giusto focalizzare, specie con un social che lega direttamente l'immagine con la mappa, attirando l'attenzione sulla città.

Carlo è "solo" un viterbese normale, finito lontano per lavoro ma legato per sempre a doppio filo con la città di papi, con i suoi scorci fantastici e la sua tradizione secolare che dovrebbe bastare da sola come importante traino turistico.

Dalla redazione de latuaetruria, compagna di scuola compresa, i complimenti a Carlo per una passione meravigliosa.

Teresa Pierini

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA